CdS13: Quel che passa il Camino


La scheda del Camino giorno#13: da Hontanas (820 metri) a Boadilla del Camino (784 metri), 29 chilometri compiuti in circa 7 ore di cammino, attraversando San Anton, Castrojeriz, l’Alto de Mosterales, Itero de la Vega. Percorso non difficile con una salita interessante e una discesa spettacolare per arrivare all’Alto, e poi altre brevi salite.

Difficoltà percepita per Abha: 7/10 – Difficoltà percepita per Andrea: 6,5/10 – Feeling per Abha: 8,5/10 – Feeling per Andrea: 8/10. 

Le nostre impressioni: Continuano le stupende sensazioni da Meseta. L’Alto de Mosterales regala una vista stupenda, è tutto il percorso è capace di scorci indimenticabili. Si consiglia di affrontarla in orari non assolati e con tanta acqua al seguito.  

Le spese: Pasti – 30 euro; Snack – 5 euro; Pernotto 20 euro (ottimo l’Albergue Titas, super pulito)


Frammenti di quel che passa sul Camino, e in una sola tappa quanta ricchezza nelle piccole cose: 


una strada che taglia assurdamente a metà un convento, 

un girasole che trionfa altissimo e giallo in un campo sconfinato di fratelli appassiti, 

un Tao che ti offre da bere con il suo naso espressivo, 

l’ombra di un albero gettata di soppiatto nel fuoco della fotografia, 

la mano gentile di un fabbro che nell’accoglierti a Boadilla del Camino, dopo 29 chilometri macinati, si ricorda di metterci il cuore,

un segnale ti propone che forse sei matto ad averne fatti quasi 400…e a mancartene almeno altrettanti. 


La traiettoria è sempre la stessa, e per giornate intere i paesaggi possono sembrare gli stessi. La differenza la fanno i dettagli, anzi, gli occhi capaci di notarli. E il dito pronto a scattarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *