STAIRWAY TO HEAVEN

La Lunga Marcia del Cammino nelle Terre Mutate

Tappa #7

Km 22

Da Norcia a Castelluccio

Bellezza: 10 e lode

Difficoltà 9/10 (per il caldo nella parte finale)

Fioriscono i colori nella piana di Castelluccio in questi giorni.

Fiorisce l’amicizia a Norcia:

rincontro Simone Frignani, che si è unito al nostro cammino,

riabbraccio Giusi e Andrea, al loro ostello Capisterium,

Giusi mi accompagna poi da Angelo Altavilla, suo cognato parrucchiere, e nel salone L’Immagine vivo un’accoglienza che ricorda la storia con la parrucchiera Monica a Camerino:

chissà, forse il terremoto non solo sconvolge il senso dato a ogni cosa, ma in molti casi spalanca il cuore delle persone oltre le paure, rendendole ancora più generose.

Fiori di sera a Norcia per la grande festa da Nemo,

e la notte con le fiaccole, con i racconti della Sibilla in giro per la città.

L’indomani mattina ci prepariamo per la grande tappa. La tappa dei fiori, la tappa del Panorama Mozzafiato.

Prima della salita, la sfilata di prima mattina in città.

Quindi saliamo. Ci sono anche gli asinelli portabagagli con noi guidati da Lorenzo, e c’è Jacopo Angelini, che ci racconta storie preziose sull’ascolto aborigeno di questa terra ancestrale, ombelico d’Italia.

Dopo otto chilometri di salita, stairway to heaven, come direbbe la mia compagna di questo viaggio, Gaia: la vista da lassù è il premio per l’ascesa al paradiso.

Il rosso acceso dei papaveri, l’azzurro intenso dei fiordalisi, il giallo della senape selvatica, il bianco candido dei narcisi regalano il sogno di una discesa silenziosa e magica, completata da un lungo camminamento a piedi nudi nell’erba divenuta fieno, e dall’arrivo di Francesco, preceduto dalla scia sonora del suo violino. A completare l’incanto con la sorpresa della sua presenza.

Il tramonto su Castelluccio è una di quelle esperienze senza spazio né tempo. Come affacciarsi su una terrazza del Tibet, o sugli altipiani della Via della Seta.

Luoghi di eternità e pace interiore, che nessun terremoto ha mai smacchiato dalla faccia della Terra.

www.ilmondodiabha.it

(il racconto completo presto su #movimentotellurico e #lafreccia. Con approfondimenti su #lonelyplanetitalia)

#movimentotellurico

#camminonelleterremutate

#federtrek

(grazie a Cristina Menghini e Mariarosaria Guarino per il supporto fotografico!)

Comments 1

  1. Che cammino straordinario Valentina!
    Ricostruiamo il nostro paese che è Unico !
    Veramente emozionante il tuo reportage grazie!
    Luisella

Rispondi a Luisella Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *